“Centrale Energetica” al porto di Ancona

Porto di Ancona Bing-Map 


COMUNICATO STAMPA


Le Associazioni sottoscriventi si sono riunite in data 19 dicembre per discutere del preoccupante progetto della Autorità Portuale di Ancona, diffuso tramite stampa, di realizzare una “centrale energetica” al porto di Ancona con l'arrivo di fino a mille navi gassiere l'anno.
Le associazioni denunciano in primo luogo la carenza di informazioni

- sul progetto e sulla natura degli impianti, (centrale termoelettrica? Centrale di smistamento del gas? Metaniere con gas compresso o con gas liquido naturale –gnl? Metanodotto fino all’Api o alla rete SNAM?),
- sul reale impatto dello progetto che all'improvviso viene proposto dalla Autorità Portuale che, sembrerebbe, nelle sue chiuse stanze pensa di poter decidere alle spalle dei cittadini.

Le associazioni denunciano anche la “riservatezza” degli amministratori pubblici che hanno partecipato alla riunione del Comitato Portuale del 13 dicembre u.s. (Viventi, Casagrande, Franzoni) che nessun commento hanno finora rilasciato sull'argomento. Non sapevano nulla di cosa bolliva in pentola? Si chiede che essi riferiscano al più presto e pubblicamente la posizione da loro assunta in sede di Comitato Portuale.
Le associazioni hanno deciso nel frattempo di richiedere direttamente alla Autorità Portuale il progetto elaborato dalla ditta SGS per un suo preciso approfondimento e la apertura di un serio dibattito pubblico.

Italia Nostra Ancona
Legambiente Circolo “Il Pungitopo” Ancona
Comitato Mare Libero Ancona
Comitati Utenti Trasporto Pubblico Ancona
Comitato Tutela Ambiente e Salute Vallesina-Jesi
Onda Verde Onlus Falconara
Comitato Sant'Amico per la tutela del Territorio del Triponzo
Comitato Mezzavalle Libera Ancona
Coordinamento Cittadini per una città con più persone e meno inquinamento-Ancona
Comitato Quartiere Villanova Falconara Marittima
Comitato Territorio Sostenibile Jesi
Polis Nova -Recanati
La Lupus in fabula-Fano
Unione Inquilini Marche
ACU Marche
Federazione Nazionale Pro Natura Marche
Italia Nostra Marche
WWF Marche
Terra Mater
Forum Paesaggio Marche

Ancona, 20 dicembre 2011


 

icona-download-pdf 80x80
scarica il comunicato in PDF

 

Pennelli Frangiflutti Sbagliati

pennelli fortino napoleonico 12-08-2011 min

Comunicato Stampa

 

Comitato Mare Libero e  Comitato Mezzavalle Libera


A Portonovo, davanti al Fortino Napoleonico,
la Regione Marche ha rifiorito i pennelli frangiflutti sbagliati


I lavori di ripascimento nella baia di Portonovo, che avevano stabilito di fare solo se riuscivano a completarli entro il mese di maggio, sono iniziati il 6 di giugno e subito con il piede sbagliato.
Perché immediatamente bloccati a causa del mancato rispetto del «Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro».
In pratica non avevano neppure delimitato il perimetro del cantiere.
E considerando che nel mese di giugno le spiagge di Portonovo sono già frequentate da numerosi turisti, e tenendo a mente che si trattava di un cantiere sotto la diretta responsabilità della Regione Marche, il fatto che non avessero affisso neppure un singolo cartello d’avvertimento la dice lunga sulla serietà con cui vengono portati avanti questi lavori.

Noi dei comitati Mare Libero e Mezzavalle Libera abbiamo studiato le carte del progetto e possiamo affermare con certezza che non è stata dimostrata la necessità di questi interventi, anzi è stato documentato il contrario: “…dal confronto tra le linee di costa del 1985 e 1999 con le foto aeree e satellitari recenti, risulta di fatto evidente una sostanziale stabilità della linea di costa negli ultimi 25 anni…” e ancora “dalla documentazione prodotta non risulta giustificata la necessità dell’intervento di ripascimento delle spiagge...”.
Questo è quanto si legge nel verbale della Commissione Tecnica del Parco del Conero del 04/04/02011.

Nonostante questo la Regione Marche continua a finanziare lo scarico di tonnellate di ghiaia a mare senza che nessuno gli abbia dimostrato la reale necessità di tale spesa.
Anzi, inspiegabilmente, ignora autorevoli pareri contrari: la Commissione Tecnica del Parco del Conero.

In un momento di crisi economica come quello che stiamo vivendo adesso, ci pare quanto mai irragionevole cercare di risolvere un problema che non c’è gettando soldi in mare.

E, come se non bastasse, dobbiamo pure constatare che non prendono seriamente in considerazione neppure i loro stessi progetti.
Perché nella Relazione Tecnica e Illustrativa hanno scritto che andavano rifioriti i pennelli davanti al Fortino Napoleonico, dettagliando con cura l’importanza del più occidentale dei tre che avrebbe dovuto svolgere un ruolo di specifica efficacia nella stabilizzazione della spiaggia emersa.

Peccato però che durante l’esecuzione dei lavori si devono essere dimenticati di tanta importanza, perché questo fondamentale pennello frangiflutti non è stato fatto.
Mentre ne hanno modificato un’altro, poco più a sud in corrispondenza delle Terrazze, che non faceva assolutamente parte del progetto.

Questo per dirvi quale scrupolo ed attenzione possono aver avuto nella direzione dei lavori di un intervento invasivo in uno dei luoghi più belli d’Italia, fiore all’occhiello della città di Ancona, Area di Riserva Orientata del Parco del Conero, Sito d’Interesse Comunitario (SIC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS) per gli Habitat Naturali.


Ancona, 30/09/2011

Comunicato stampa dei comitati Mare Libero e Mezzavalle Libera


 

Di seguito la relativa documentazione:


Basta Acqua Sporca

basta acqua sporca

Video divulgativo sulla dinamica costiera delle spiagge del promontorio del Conero

Maestro d'Ascia

maestro d.ascia

Oddo Stecconi, tra campi e poesia, il video ritratto di uno degli ultimi Maestri d'Ascia del Monte Conero

Al Passetto tra Grotte e Falesia

Alla costa del Conero i ripascimenti non servono

Ci dicono che i ripascimenti sono necessari perché negli ultimi 50 anni il mare si è divorato la costa.
Eppure, come potete vedere dalla foto, anche all'inizio del ‘900 durante le mareggiate le spiagge sparivano.

La raccolta dei polpi min

Oggi invece basta un minimo di mare agitato che subito si invocano opere di difesa costiera.

Licenza Creative Commons

N.B.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.