Ancona Passetto ascensore

Foto di Claudio.stanco - Opera propria, CC BY-SA 3.0

Comunicato stampa

Ascensore del Passetto
per la tutela dei beni comuni e il buon senso, il Comune eviti lo spreco e l’arbitrio

In merito alla decisione del Comune di Ancona di spendere due milioni di euro per la ristrutturazione dell’ascensore del Passetto, ci chiediamo:

  • come mai si decida di spendere una cifra così alta per una ristrutturazione che potrebbe essere realizzata con spesa minore, per poi mettere in vendita beni che appartengono all’intera cittadinanza allo scopo dichiarato di ricavare risorse economiche;

  • come mai si affidi stranamente la progettazione ad architetti esterni all’amministrazione, e quindi si spenda denaro, quando il Comune dispone già di tecnici alle proprie dipendenze, validi e perfettamente in grado di realizzarla con un notevole risparmio economico;

  • come mai si decida in modo arbitrario di affidare questa non necessaria progettazione esterna proprio ad un determinato studio privato di architettura e non ad altri.

Chiediamo quindi al Comune che si provveda semplicemente ad ottemperare alle norme per la sicurezza dell’ascensore, permettendo che si possa continuare a tenerlo in funzione, affidando la progettazione ai tecnici dipendenti dell’amministrazione. In questo modo si risparmino risorse economiche, si evitino le scelte arbitrarie e si salvino dalla vendita beni pubblici che appartengono ai cittadini.

Il Comitato Mare Libero

 

icona download pdf 80x80
Scarica il Comunicato in PDF

Basta Acqua Sporca

basta acqua sporca

Video divulgativo sulla dinamica costiera delle spiagge del promontorio del Conero

Maestro d'Ascia

maestro d.ascia

Oddo Stecconi, tra campi e poesia, il video ritratto di uno degli ultimi Maestri d'Ascia del Monte Conero

Al Passetto tra Grotte e Falesia

Alla costa del Conero i ripascimenti non servono

Ci dicono che i ripascimenti sono necessari perché negli ultimi 50 anni il mare si è divorato la costa.
Eppure, come potete vedere dalla foto, anche all'inizio del ‘900 durante le mareggiate le spiagge sparivano.

La raccolta dei polpi min

Oggi invece basta un minimo di mare agitato che subito si invocano opere di difesa costiera.

Licenza Creative Commons

N.B.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.