AdM Conclusione della I fase dei Lavori

adm

Conclusione della I fase dei lavori sul tema dell'Area Marina Protetta

 E' ora di tirare le somme.

Dopo i 6 incontri che si sono tenuti alla fine del 2011 sul tema dell'Area Marina Protetta del Conero, ora è tempo di fare il punto su quanto emerso. Pertanto siete invitati a partecipare all'incontro di chiusura della I fase dei lavori che si terrà Lunedì prossimo, 27 Febbraio, alle ore 17 all'Aula del Mare.

Oltre a invitare la stampa a intervenire all'appuntamento, ricordiamo a tutti voi che sul nostro sito, www.auladelmare.it, sono a disposizione alcuni documenti in formato PDF per approfondire il tema e le registrazioni di tutti gli incontri finora svolti (per l'ascolto è necessario quick time player).

Vi aspettiamo!

 

Fonte: auladelmare.it

Il video dell'incontro dedicato all'AMP

IV incontro Area Marina Protetta del Conero

 

Di seguito vi segnalo alcuni momenti particolarmente interessanti del video proposto, ma a tutti i soggetti interessati suggerisco di visionare l'intero filmato.

1) http://youtu.be/C1g_8agfoJI?t=6m15s Alberto Dubbini mette in risalto la contraddizione di essere favorevoli alla realizzazione di rigassificatore offshore e, simultaneamente, sostenere l’attuazione di un’Area Marina Protetta che dista solo 13 km dal sopracitato impianto.

2) http://youtu.be/C1g_8agfoJI?t=8m45s  Dino Latini spiega perché ha detto si al rigassificatore, sostenendo che è l’unica strada per bonificare la zona.
Probabilmente si è dimenticando che l’API è almeno dal 2003, anno di rinnovo della concessione alla raffinazione, che disattende gli impegni presi a favore dell’ambiente e di un modus operandi meno impattante per tutti.
Come dire: visto che non adempiono ai loro impegni gli regaliamo un rigassificatore, così dopo vedrai come ci rispetteranno.

3) http://youtu.be/C1g_8agfoJI?t=17m4s Alberto Dubbini parla delle leggi regionali, in particolare quelle sulla movimentazione di sedimenti in ambiente marino, che vanno nella direzione opposta rispetto alle normative nazionali ed europee.
Leggi e normative d'attuazione che palesemente evidenziando lo scarso interesse dimostrato dalla regione Marche per la tutela ambientale.

4) http://youtu.be/C1g_8agfoJI?t=22m1s Dino Latini spiega che il problema del troppo pesce pescato si potrebbe risolvere facendolo pagare un prezzo adeguato, almeno 10 volte tanto, perché adesso è troppo economico e così per sopravvivere i pescatori devono prenderne grandi quantità.
Sembra pazzesco ma ha detto così, ve lo garantisco. Nel mio filmato manca l’inizio del suo discorso ma potete comunque sentire la parte in cui dice che anche il pane dovrebbe costare altrettanto: 10 volte tanto.
Quando l’Aula del Mare pubblicherà il suo materiale audiovisivo potrete verificare che sto dicendo il vero, e che Dino Latini pensa veramente che se il pesce costasse 10 volte tanto i pescatori, anziché approfittarne per fare più soldi, si limiterebbero a pescarne quanto basta per tirare a campare.
Per fortuna Gallegati, che probabilmente non gode di uno stipendio da consigliere regionale che permette di vivere egregiamente anche se i prezzi degli alimenti decuplicano, gli spiega che le cose non funzionano in questo modo. Che esiste una cosa chiamata libero mercato e che il problema di pescatori, agricoltori e consumatori sta nella filiera di distribuzione troppo lunga.
Con la conseguenza che il prezzo iniziale corrisposto al pescatore o al contadino è irrisorio, mentre il prezzo finale diventa eccessivamente elevato.

IV incontro sull’AMP del Conero

adm Giro di boa nel percorso di discussione della costituzione dell'Area Marina Protetta del Conero. Si terrà lunedì prossimo, 7 novembre, alle ore 17:00, come sempre all'Aula del Mare (banchina Santa Maria, al porto storico di Ancona, adiacente alla ex biglietteria e proprio sotto l’Autorità portuale), il quarto appuntamento.
Come nei precedenti appuntamenti, i rappresentanti delle associazioni del territorio, del mondo politico, economico e sociale si confronteranno sulle opportunità e le problematicità del progetto dell’Area Marina Protetta del Conero. Tutti i cittadini sono, perciò, invitati a partecipare e a intervenire.

Lunedì prenderanno la parola: Marco Gallegati, del Parco del Conero; Giuliana Sivocci, dell'Associazione Grotte del Monte Cardeto; l'Avv. Flavio Barigelletti, della Marina Dorica; Dino Latini, presidente della II Commissione consiliare della Regione Marche; Alberto Dubbini, del Comitato Mare Libero.  

Inoltre, sul sito dell’Aula del Mare (www.auladelmare.it), è stata creata una sezione apposita per raccogliere tutto il materiale relativo al progetto di costituzione dell’Area Marina Protetta del Conero: articoli di giornali e documenti vari e, tra breve, saranno disponibili anche gli mp3 degli incontri.

da Aula del Mare

Fonte: Vivere Ancona

 

icona-download-pdf 80x80Clicca qui per scaricare la Traccia della Discussione

Facebook FanPage

Maestro d'Ascia

maestro d.ascia

Oddo Stecconi, tra campi e poesia, il video ritratto di uno degli ultimi Maestri d'Ascia del Monte Conero

Basta Acqua Sporca

basta acqua sporca

Video divulgativo sulla dinamica costiera delle spiagge del promontorio del Conero

Al Passetto tra Grotte e Falesia

Alla costa del Conero i ripascimenti non servono

Ci dicono che i ripascimenti sono necessari perché negli ultimi 50 anni il mare si è divorato la costa.
Eppure, come potete vedere dalla foto, anche all'inizio del ‘900 durante le mareggiate le spiagge sparivano.

La raccolta dei polpi min

Oggi invece basta un minimo di mare agitato che subito si invocano opere di difesa costiera.

Licenza Creative Commons

N.B.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.