Ripascimenti a Portonovo: i conti non tornano!

06-06-2011 Portonovo 026

 

Apprendiamo dal Messaggero del 28 maggio che la Conferenza dei Servizi ha deciso di dimezzare i ripascimenti rispetto a quanto previsto dal progetto del Comune di Ancona.
Praticamente, se quanto riportato dal quotidiano locale è esatto, saranno utilizzati "solo" 2.500 mc di ghiaia fluviale, per un peso complessivo di 4.000 tonnellate, usando nell'arco di due settimane 130 autocarri che nel mese di giugno, in concomitanza con l'apertura della stagione balneare, della consegna della Bandiera Blu e della celebrazione  della festa del Mosciolo Selvaggio, percorreranno la stretta e dissestata strada che scende a Portonovo.
Come mai si userà esattamente la metà del materiale che era previsto inizialmente dal progetto del Comune per un'estensione di spiaggia che è di molto inferiore al 50% della linea di costa totale interessata dal progetto?

Se la Regione e il Comune fossero in grado di spiegarcelo, gliene saremmo infinitamente grati.


Fonte: Mezzavalle.net

Scogliere Inquinanti

pontone scogliera

 

In questi giorni a Marina di Montemarciano i Carabinieri del N.O.E. di Ancona, hanno scoperto lo sversamento in mare di tonnellate di rifiuti a seguito dei lavori di tutela della costa.

Questa nuova indagine getta un’ulteriore ombra sull’operato del “Dipartimento Difesa della Costa della Regione Marche”, più volte da noi contestato per via dei ripascimenti effettuati in zone di tutela ambientale.

Di seguito vi proponiamo alcuni articoli che trattano di questa nuova indagine in corso:

Facebook FanPage

Maestro d'Ascia

maestro d.ascia

Oddo Stecconi, tra campi e poesia, il video ritratto di uno degli ultimi Maestri d'Ascia del Monte Conero

Basta Acqua Sporca

basta acqua sporca

Video divulgativo sulla dinamica costiera delle spiagge del promontorio del Conero

Al Passetto tra Grotte e Falesia

Alla costa del Conero i ripascimenti non servono

Ci dicono che i ripascimenti sono necessari perché negli ultimi 50 anni il mare si è divorato la costa.
Eppure, come potete vedere dalla foto, anche all'inizio del ‘900 durante le mareggiate le spiagge sparivano.

La raccolta dei polpi min

Oggi invece basta un minimo di mare agitato che subito si invocano opere di difesa costiera.

Licenza Creative Commons

N.B.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.